Sabato 25 maggio si è svolto a Roma il primo "UNIDPO Privacy Day” per celebrare un anno dall'applicazione del GDPR e dalla fondazione dell'Associazione UNIDPO.

La sessione mattutina è stata occasione di confronto su alcuni temi chiave della funzione del DPO, una figura che ha ricevuto ampie e precise responsabilità dal GDPR, mentre la sessione pomeridiana si è articolata su vari interventi curati dagli associati su ulteriori temi di grande importanza per svolgere ogni giorno al meglio questo ruolo fondamentale.

All'evento ha preso parte in collegamento remoto il Consigliere delegato all'ICT Roberto Orvieto in rappresentanza del Consiglio Nazionale degli Ingegneri.

Le relazioni presentate sono disponibili per gli associati UNIDPO qui.

UNIDPO Privacy DayUNIDPO Privacy DayUNIDPO Privacy Day

 

Vi aspettiamo al Privacy Day di UNIDPO, un'occasione di scambio e confronto di esperienze tra DPO, con il patrocinio del Consiglio Nazionale Forense e del Consiglio Nazionale degli Ingegneri.
L'evento si terrà il 25 maggio 2019, in occasione dell'anniversario della costituzione dell'Associazione, presso Palazzo Passarini Falletti a Roma in via Panisperna, 207.

Workshop: dalle 10.00 alle 13.00

  • Videosorveglianza – Coordinatore: Michele Viliani
  • Registro dei Trattamenti – Coordinatore: Patrizia La Rocca
  • Certificazioni – Coordinatori: Michele Mercanti ed Andrea Praitano

Conference

(registrazione dalle ore 13.30 alle ore 13.55 – inizio lavori ore 14.00)

  • Apertura dei lavori, Saluti istituzionali dai Consigli degli Ordini, Breve relazione sulle attività di UNIDPO
  • Presentazione dei risultati dei workshop del mattino

E’ conforme alla legislazione sulla protezione dei dati personali l’obbligo imposto ai farmacisti iscritti, di indossare un “tesserino identificativo con indicazione del nome, del cognome, nonché del numero di iscrizione all’Albo e dell’Ordine di appartenenza”?
Lo ha chiesto l’Avv. Angela Dell’Osso, Associato di UNIDPO e Responsabile della protezione dei dati personali di un’Azienda Farmacia Municipalizzata, all’Autorità Garante per la protezione dei dati personali, facendosi portavoce delle esigenze di sicurezza rappresentate da alcuni farmacisti, rispetto al dettato dell’art. 7 del Codice Deontologico professionale.

A seguito delle esigenze di sicurezza rappresentate da alcune giovani farmaciste dipendenti di un’Azienda Farmacia Municipalizzata di cui sono Responsabile della Protezione dei dati personali, ho rivolto all’Autorità Garante per la protezione dei dati personali, una richiesta di parere in merito alla conformità dell’art. 7 del Codice Deontologico dei Farmacisti, alla legislazione sulla protezione dei dati personali.